Scrivici
Guestbook

Login

   

Dove siamo    

 L'arcipelago della Maddalena è formato dalle quattro isole principali -Maddalena, Caprera, S. Stefano, Spargi- dalle altre tre più piccole - Budelli, S. Maria, Razzoli- e da diversi altri isolotti minori. L'isola più grande è l'unica a presentare un centro urbano: "La Maddalena". La cittadina si stende nella parte meridionale dell'isola, quella rivolta verso la costa sarda, e si arrampica sul colle granitico di "Guardia Vecchia". E' raggiungibile con i traghetti che ogni pochi minuti partono da Palau. L'atmosfera che si respira in città è veramente particolare: vi contribuisce il centro storico con i suoi palazzotti di fine 700, il tranquillo affaccendarsi degli abitanti ed il susseguirsi di suggestivi scorci fatti di vicoli, scalinate e graziose piazzette. E' piacevole passeggiare e rilassarsi tra i moli di Cala Gavetta e tra piccoli negozi di generi alimentari, gelaterie, caffè e panetterie. La parte centrale dell'isola si presenta rocciosa e ricoperta di bassa vegetazione di macchia mediterranea ma quello che più attrae i visitatori sono le stupende spiaggette che appaiono all'improvviso tra scogliere bagnate da un mare limpidissimo e dalle mille sfumature d'azzurro e di verde. Il giro panoramico dell'isola e decisamente consigliato: percorrendo la strada principale che segue tutta la costa si potranno ammirare i forti di Punta Tegge e Nido d'Aquila con i loro porticcioli di pescatori, fare il bagno a Cala Francese, raggiungere gli stupendi punti panoramici dei forti di Punta dei Colmi e di Guardia Vecchia e, con brevi deviazioni, arrivare alle spiagge di Cala Majore, di Bassa Trinità, di Monti di Rena, di Giardinelli e le insenature di Spalmatore, di Cala Lunga, di Abbatoggia e di Stagno Torto. "Caprera" è la seconda isola dell'arcipelago ed è collegata alla Maddalena con il ponte del Passo della Moneta. Si tratta dell'amato rifugio che Garibaldi acquistò nel 1855 e che abitò negli ultimi 26 anni della sua vita. Sull'isola si trova la sua casa ora trasformata nel museo che contiene mobili , attrezzi, utensili, armi, documenti e cimeli d'ogni sorta. La tomba dell'eroe dei due mondi si trova tra il verde a pochi passi dalla casa-museo. L'unica strada asfaltata dell'isola è quella che conduce al Compendio Garibaldino ma da questa si dipartono diverse stradine sterrate e sentieri che conducono ai migliori punti panoramici, alle cale dalle spiagge incantevoli e ad alcuni forti militari abbandonati.

 
Powered by CMSimple foto realizzate da Demetrio Monorchio